BISOGNI PROFESSIONALI DEI SERVIZI SOCIOASSISTENZIALI E NUOVE CARATTERIZZAZIONI DEI PERCORSI SCOLASTICI E FORMATIVI

Mercoledì 20 dicembre è proseguito in Consolida il confronto avviato lo scorso agosto con le coop socie ed è stato esteso anche ad altre realtà similari del Terzo Settore invitate dal Servizio Politiche Sociali PAT.

Tema centrale e comune: l’analisi dei fabbisogni professionali all’interno dei servizi socioassistenziali rivolti a minori, persone con disabilità, anziani e adulti in situazione di svantaggio.

Il Catalogo dei servizi, approvato con deliberazione n. 173 del 7 febbraio 2020 e rivisto con deliberazione n. 604 del 6 aprile 2023, definisce i titoli di studio, i percorsi formativi e le esperienze lavorative che deve possedere l’80% del personale a contatto diretto ed abituale con l’utenza assunto a partire dalla data di adozione della delibera di approvazione dello stesso. In questi anni si è resa evidente una crescente difficoltà nel coinvolgimento e nel reclutamento delle figure professionali richieste dal Catalogo: è una problematica non facilmente risolvibile e riguarda, come risaputo, anche altri territori nazionali.

Ciò ha motivato Consolida ad accogliere l’invito del Servizio Politiche Sociali della PAT, rappresentato da Marilisa De Luca, e dell’Istituto Don Milani di Rovereto (con il quale alcune coop. socie già collaborano in esperienze di tirocinio e conoscenza reciproca), per individuare ed esplorare insieme nuove opportunità funzionali ad affrontare una situazione di blocco importante.

Nel mese di agosto ad un gruppo di socie era stato infatti proposto un primo appuntamento esplorativo e conoscitivo curato da Daniela Carlini della PAT (Servizio Formazione professionale) sulla norma e i criteri di applicazione in Trentino dell’apprendistato duale.

Negli ultimi mesi il gruppo di lavoro ha verificato quali  siano gli step formali da percorrere per giungere all’individuazione di un nuovo profilo che possa essere formato in prima battuta attraverso un titolo di studio formale (con o senza apprendistato duale) e poi attraverso altre modalità quali es. la certificazione di competenze.

All’invito del 20 dicembre hanno risposto 22 rappresentanti di 3 cooperative socie (Kaleidoscopio, Spes e Vales) e di 11 enti del Terzo Settore (Anffas, Archè, Appm, Comunità Murialdo, Estuario, Fondazione Caritas, Fondazione Famiglia Materna , Infusione, Periscopio, Ruota Libera, Villa Maria) che hanno sviluppato – guidati da Marilisa De Luca ed Elisa Vialardi, coordinatore formazione Area Lavoro di Consolida – un’analisi mirata dei contesti/servizi in cui operano al fine di far emergere le attività a cui riferirsi nella definizione delle competenze di una nuova figura di operatore che andrebbe a posizionarsi ad un livello intermedio rispetto a quelle attuali.

Nel mese di gennaio la sintesi di quanto emerso verrà condivisa con il consulente incaricato da Consolida, Roberto Vicini, che affiancherà il gruppo nella definizione puntuale di un nuovo profilo in uscita – a carattere sociale – per il percorso di istruzione professionale Don Milano.

Percorso promosso da Consolida in collaborazione con Servizio politiche sociali PAT, Istituto Istruzione Superiore Don Milani Rovereto con il supporto della PAT-LR15/88: “In DES: ecosistemi cooperativi per lo sviluppo inclusivo e sostenibile dei Distretti di Economia Solidale”

Rif: Area Lavoro: Elisa Vialardi | elisa.vialardi@consolida.it