ESITI BANDO FSE INCLUSIONE: SODDISFAZIONE IN CONSOLIDA

Agenzia del Lavoro ha reso note in questi giorni le graduatorie dei progetti FSE inclusione lavorativa e sociale. Consolida ha registrato un ottimo risultato: tutti 4 gli interventi co-progettati dall’Area Lavoro con le cooperative socie (2 su esecuzione penale, 1 disabilità giovanile, 1 su svantaggio sociale) sono stati ritenuti finanziabili per un valore approvato di circa 200mila euro.

I progetti FSE per l’inclusione sociale e lavorativa si inseriscono nella più generale strategia consortile che mira a promuovere i DES come contesti che coniugano finalità produttive e sociali.

Con questa progettazione il consorzio facilita la convergenza sui DES risorse di Consolida, delle cooperative e delle reti territoriali. I DES promossi direttamente da Consolida sono: il DES esecuzione penale; il DES Economia verde – Riuso; il DES Agricoltura sociale. Il DES esecuzione penale è costruito in partenariato con la Casa circondariale e Uepe, ed è il primo ad essere stato formalizzato nel 2011; oggi vede come maggiori protagoniste le cooperative socie Chindet, Kaleidoscopio, Le Coste e Venature. Venature sugli FSE si dedica al laboratorio lavanderia nella sezione femminile della Casa circondariale di Gardolo, mentre in esterna Chindet all’ambito magazzino e Le Coste alla manutenzione del verde.

Il DES Economia verde – Riuso è  nato nel 2007 ed è oggi il più attivo e consolidato. Nell’ambito degli FSE prevede su asse disabilità giovanile il percorso di Garda2015, su asse svantaggio sociale i percorsi di Lavoro, Vales-Primiero, Aurora-Pergine. IL DES Agricoltura sociale è in costruzione e per gli FSE prevede su asse disabilità giovanile i percorsi delle cooperative A Progetto 92 e Cs4 e su asse svantaggio sociale i percorsi di Coop90 e Antropos centrati sulla manutenzione del verde.

I percorsi FSE prevedono piccoli gruppi (3-4 partecipanti) per un totale di 50 persone sul territorio provinciale: 24 persone con problemi di giustizia; 10 giovani con disabilità e 15 partecipanti con svantaggio sociale.

La formazione professionale è declinata sulle caratteristiche e opportunità specifiche del contesto produttivo-laboratoriale delle cooperative di volta in volta coinvolte (per esempio nel DES riuso sono previste sia attività di sartoria che falegnameria) in modo da valorizzare le competenze specifiche in chiave formativa. I percorsi saranno realizzati nei singoli territori con la collaborazione anche di esperti esterni e si articoleranno in 12 mesi di attività (estate 2022-estate 2023), tenendo conto anche dei bisogni del territorio e dei servizi sociali e sanitari. Per esempio i percorsi per i giovani con disabilità si svolgeranno nel periodo primavera-estate, mentre quelli rivolti allo svantaggio si concentreranno nei periodi invernali nei quali l’utenza, principalmente adulta, solitamente inserita stagionalmente nei LSU, può impiegare proficuamente questo periodo solitamente “vuoto”.