Est&tica

Progetto:

EST&TICA

Tema:

COMUNICAZIONE DELLA DISABILITÀ

Area:

CURA

Est&tica (nato dalla collaborazione tra Consolida, Assostampa, Fondazione Franco Demarchi e Ordine dei giornalisti del Trentino Alto Aige – Südtirol) è un laboratorio multistakeholder e multidisciplinare (persone con disabilità, genitori, operatori sociali, giornalisti, social media manager) nato allo scopo di costruire un sapere condiviso capace di orientare la rappresentazione della disabilità. Nel farlo ha tenuto conto da un lato dei diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie, dall’altro delle caratteristiche specifiche di una comunicazione efficace. In 8 mesi di lavoro comune i partecipanti hanno realizzato un non manifesto: 7 principi guida per una comunicazione rispettosa della disabilità.
Leggi il Manifesto: https://www.consolida.it/manifesto-disabilita/

GLI ALTRI PROGETTI RELATIVI ALL'AREA SALUTE E BENESSERE

NEWS

CONSOLIDA DIVENTA CENTRO PER I SERVIZI SPECIALISTICI DI ORIENTAMENTO E SUPPORTO ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO

Il consorzio partecipa alla sperimentazione a favore di cittadini disoccupati in situazione di particolare svantaggio e fragilità personale promossa da AdL con i Centri per l’Impiego di Riva e Rovereto.

GRUPPO ABITARE INCLUSIVO: AGGIORNAMENTO E PROGRAMMAZIONE

Relazione con gli enti pubblici, reperimento e formazione del personale, predisposizione degli strumenti giuridico-economici e coinvolgimento delle famiglie: queste le priorità individuate dalle cooperative.

RETI DI INSERIMENTO LAVORATIVO: L’APPROFONDIMENTO DI EURICSE

Il centro di ricerca presenta il rapporto di ricerca che dimostra le potenzialità dei contratti di rete per le cooperative di tipo b. Appuntamento il 13 luglio alle 1430 sulla piattaforma Zoom, con iscrizione obbligatoria

RESET: ULTIMO APPUNTAMENTO SUI SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO

L’analisi e il confronto tra i partecipanti, guidati da Emanuele Dagnino, ha evidenziato rischi e potenzialità. In estate sarà avviata una rilevazione per monitorare l’uso dei diversi strumenti e avviare un’interlocuzione con gli enti pubblici.

Abitare il futuro

I dati anagrafici (la maggior durata della vita delle persone con disabilità e l’invecchiamento dei loro genitori) accompagnata dalla domanda di sostegno espressa da alcune famiglie, hanno spinto le cooperative sociali già nel 2011 ad avviare un laboratorio per confrontarsi sul tema del “Dopo di noi”. La riflessione comune e il lavoro di analisi ha fatto emergere la complessità del tema che va ben oltre lo specifico bisogno e si intreccia ai mutamenti di contesto. Questo ha spinto le cooperative ad impegnarsi in un complessivo e complesso riorientamento culturale e dei servizi.  Sette cooperative sociali (CS4, Grazie alla Vita; GSG; La rete; Eliodoro; Il Bucaneve e Iter) hanno dato quindi vita nel 2017 alla rete Abitare il futuro che ha lo scopo di costruire progetti innovativi sull’abitare che partono dal riconoscimento del diritto espresso dall’art. 19 della convezione ONU dei diritti delle persone con disabilità: non una “sistemazione” ma la possibilità di scegliere, su base di eguaglianza con altri, il proprio luogo di residenza, dove e con chi vivere.

Scarica il manifesto Abitare il futuro.

Tema:

ABITARE

Area:

AREA SALUTE E BENESSERE

ALTRI PROGETTI

NEWS