Progettone

Progetto:

PROGETTONE

Tema:

MIGRANTI

Area:

AREA LAVORO

Il Progettone è nato in Trentino nel 1986 per dare opportunità a chi aveva perso il lavoro proponendo attività di recupero ambientale promosse dal SOVA (servizio per il sostegno occupazionale e per la valorizzazione ambientale) realizzate attraverso il CLA (consorzio lavoro ambiente).

PROGETTONE SERVIZI ALLA PERSONA
La crisi occupazionale nel tempo ha colpito anche il mondo femminile. Le attività nel settore “verde” erano però in genere poco adatte alle donne.
È stata quindi avviata la ricerca di altre opportunità comunque in ambiti di pubblico interesse. Sono nate così le prime esperienze nell’ambito dei servizi di custodia essenzialmente nei castelli e nei musei e successivamente dal 2005, grazie al coinvolgimento di Consolida, nei servizi alla persona realizzati nelle APSP (Aziende pubbliche servizi alla persona) e nelle cooperative sociali.

PROGETTONE SOCIALE
Con il passare del tempo alcuni lavoratori coinvolti in cantieri o in ambiti tradizionali non erano più in grado di reggere per ragioni di età o di salute quel tipo di occupazione. Per dare opportunità a queste persone di sentirsi ancora produttive, nel 2006 la collaborazione tra SOVA e Consolida si è declinata anche nella progettazione mirata e individualizzata di inserimento nelle cooperative sociali, in prevalenza di tipo B.

INIZIATIVE PILOTA
Nell’ambito del Progettone Consolida ha avviato con altri partner DES (Distretti dell’economia solidale) in particolare nell’ambito del riuso di materiale (soprattutto vestiario) e del recupero delle biomasse.
È stata avviata inoltre una sperimentazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti che prevede l’assunzione da parte di cooperative sociali di tipo A di operatori del Progettone nel ruolo di facilitatori degli utenti dell’associazione.

NEWS

Alternanza Scuola-Lavoro e cooperazione sociale

La possibilità per le socie di Consolida di partecipare al progetto di ANPAL negli istituti trentini.

Euricse presenta il rapporto sulla cooperazione in Trentino

L’incontro sarà occasione per analizzare il reale contributo delle cooperative all’occupazione e al prodotto interno lordo provinciale nel 2019.

Nuovi strumenti di welfare per il Trentino

La Federazione Trentina della Cooperazione sta realizzando una piattaforma per mettere in rete domanda e offerta di welfare in Trentino e propone un momento di confronto con i principali attori del territorio per individuare le priorità.

Narrare la disabilità: una responsabilità collettiva

La presidente di Consolida, Serenella Cipriani, interviene nel recente dibattito sulla disabilità, aperto nell’editoriale del 27 agosto da Patrizia Belli sul Trentino.

Progettone

Il Progettone è nato in Trentino nel 1986 per dare opportunità a chi aveva perso il lavoro proponendo attività di recupero ambientale promosse dal SOVA (servizio per il sostegno occupazionale e per la valorizzazione ambientale) realizzate attraverso il CLA (consorzio lavoro ambiente).

PROGETTONE SERVIZI ALLA PERSONA
La crisi occupazionale nel tempo ha colpito anche il mondo femminile. Le attività nel settore “verde” erano però in genere poco adatte alle donne.
È stata quindi avviata la ricerca di altre opportunità comunque in ambiti di pubblico interesse. Sono nate così le prime esperienze nell’ambito dei servizi di custodia essenzialmente nei castelli e nei musei e successivamente dal 2005, grazie al coinvolgimento di Consolida, nei servizi alla persona realizzati nelle APSP (Aziende pubbliche servizi alla persona) e nelle cooperative sociali.

PROGETTONE SOCIALE
Con il passare del tempo alcuni lavoratori coinvolti in cantieri o in ambiti tradizionali non erano più in grado di reggere per ragioni di età o di salute quel tipo di occupazione. Per dare opportunità a queste persone di sentirsi ancora produttive, nel 2006 la collaborazione tra SOVA e Consolida si è declinata anche nella progettazione mirata e individualizzata di inserimento nelle cooperative sociali, in prevalenza di tipo B.

INIZIATIVE PILOTA
Nell’ambito del Progettone Consolida ha avviato con altri partner DES (Distretti dell’economia solidale) in particolare nell’ambito del riuso di materiale (soprattutto vestiario) e del recupero delle biomasse.
È stata avviata inoltre una sperimentazione con l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti che prevede l’assunzione da parte di cooperative sociali di tipo A di operatori del Progettone nel ruolo di facilitatori degli utenti dell’associazione.

Tema:

MIGRANTI

Area:

AREA LAVORO

ALTRI PROGETTI

NEWS