Non è così; non tutto è come appare, come siamo abituati a vedere.

Anche le persone con disabilità.

Abbiamo provato allora a cercare nuovi sguardi.

Ne è nato un manifesto, una proposta aperta, con alcuni principi guida e un invito ad arricchirla, perché non è così manifesto che nuovi linguaggi e nuove narrazioni comuni possono costruire nuove realtà.

Perché è lo sguardo che determina ciò che si vede.

FIRMA

SCARICA

GUARDA IL VIDEO

HANNO FIRMATO

Chiara Ghezzi

Lorenzo Spettoli

Rita Nagy

Alberto Bagozzi

Patrizio Oliana

Severina Panelatti

Nicola Rossi

Stefano Vincenzi

Francesca Di Meo

Paola Pedergnana

Carla Broccardo

Stefania Oliana

Nicoletta Bianchi

Paolo Mazzurana

Raffaella Schneider

Francesca Peruz

Andrea Trentini

Raul Daoli

Salvatore Romano

Chiara Caliari

Manuela Bosetti

Michele Covi

Silvia Perlot

Elena Pancheri

Matteo Vera

Veronica Nardelli

Federica Rubini

Serenella Cipriani

Marianna Gabrielli

Lara Deflorian

Alessia Partezin

Corrado Corradini

Eleonora Marini

Mattia Mascher

Carolina Tomio

Antonella Simoncelli

Franco Decaminada

Alessia Franch

Mariangela Agostini

Marco Ceolan

Laura Berteotti

Alessia Securo

Stefania Sicher

Bruno Carnesecchi

Manuela Taietta

Fabiana Bianchi

Claudia Ceolan

Sara Perugini

Lilia Doneddu

Milena Rizzardi

Maria Crevaroli

Francesca Rollandini

Ilaria Castellan

Mauro Tommasini

Sabra Clauser

Francesca Peruz

Mariano Failoni

Ida Pellegrini

Nadia Bortoli

Valenti Elisa

Anna Bonomi

Roberta Bravi

Silvia Scaramuzza

Nicholas Moser

Besco Cristina

Michele Scaltriti

Luca Salvadori

Silvio Bagattini

Alessio Bazzoli

Margherita Udina

Bruno Selvestrel

Tiziana Sepe

Manuela Tamburini

Valeria Lubrano

Giulia Bianchini

Flaviano Zandonai

Francesca Gennai

Petra Giongo

Federica Tolotti

Chiara Traniello

Sara Casagrande

Elisabetta Tomasi

Mariagrazia Scaglia

Fiammetta Zani

Ingrid Micheli

Stefania Bonometti

Stefania Sarcletti

Renata Zanon

Alessandra Trivellato

Davide Valentini

Venera Russo

Alessandra Deavi

Fatou Diagne

Fabio Marega

Cristina Cipriani

Giorgio Cipriani

Claudia Cipriani

Cristina Arrò

Colette Cipriani

Jasmine Piazzini

Lucio Cipriani

Paola dal sasso

Claudia Matuella

Manuela Trainotti

Antonio Frizzera

Paolo Magagnotti

Cinzia Zeni

Giorgia Endrici

Veronica Comin

HANNO ADERITO

IL GRUPPO

Patrizia Belli
Giornalista

So per certo che le parole sono libere, hanno ali e purezza. Aprono e chiudono mondi. So per certo che possono generare nuova umanità.

Daniela Cordara
Genitore

Perché il Manifesto? Andrea mi ha insegnato che le parole creano immagini e le immagini come le parole raccontano: se usate in modo corretto possono migliorare il rapporto che abbiamo con noi stessi e con gli altri.

Mirko Dallaserra
Educatore, agricoltore, teatrante

Le parole giuste, in fondo, non esistono. Ma continuare a cercarle è un obbligo morale. Come lo è cercare il significato ultimo dell’agire sociale.

Eleonora Damaggio
Responsabile servizi diurni e area volontariato

Le storie delle persone sono uniche, fragili e potenti. Se raccontate con autenticità sono ponti verso culture nuove e conoscenza vera.

Antonio De Cia
Grafico

La possibilità di lavorare in team su un argomento che considero fondamentale per la creatività: la diversità.

Lara Deflorian
Giornalista free lance, formatrice e responsabile comunicazione esterna

Per me la vera innovazione sociale passa anche attraverso una comunicazione attenta alla persona e alla sua dignità.

Silvia De Vogli
Esperta di comunicazione sociale e culturale

Per me il manifesto nasce da lontano: da una sorella senza voce che mi ha insegnato il valore delle parole

Tania Giovannini
Digital Strategist & Project Manager

Sono sempre alla ricerca di nuovi mondi e di nuovi modi di vedere le persone… ma soprattutto di strumenti per comunicare le mie scoperte

Clara Lunardelli
Pensionata, artista, collaboratrice e socia di una cooperativa sociale

Il Manifesto fissa principi e valori di una costellazione assolutamente da raggiungere, far conoscere, condividere. Da vivere, soprattutto.

Michele Marangi
Media Educator e Formatore

Un’esperienza eccezionale, che intreccia e valorizza differenti competenze, sfida i luoghi comuni e offre la possibilità di cambiare sguardo.

Mattia Mascher
Esperto di comunicazione sociale

Ho scelto di far parte di questo progetto perché cambiare gli sguardi attraverso il linguaggio è fra le più delicate operazioni oculistiche necessarie.

Arianna Oliana
Filosofa

Le parole sono ponti, le parole fanno la differenza, serve riflettere su come le usiamo, soprattutto quando trattiamo situazioni di fragilità.

Sara Perugini
Giornalista e addetta stampa

Lavorare al manifesto è stata l’occasione per ricordare il potere che hanno le parole di definire la realtà e creare mondi migliori.

Sara Zocchi
Educatrice professionale

Ho partecipato a questo laboratorio per contribuire alla creazione di nuovi stili comunicativi, capaci  di rispettare diritti delle persone e di disseminare una comunicazione efficace, oltre gli stereotipi.